Il boss era «autorizzato» a trattare con i politici

Il caso Mancusi, la ‘ndrangheta, i servizi segreti e la massoneria

«Solo chi aveva la Santa poteva tenere rapporti con i politici, con i servizi segreti e con la massoneria». Tonino Cossidente, ex boss dei basilischi ora collaboratore di giustizia, svela ai magistrati della Procura antimafia di Potenza le relazioni che aveva allacciato di persona al di fuori dell’ambiente criminale. «Ho avuto rapporti con Agatino Mancusi, con Roberto Galante, con Luigi Scaglione», dice il pentito. Mancusi è l’ex vicepresidente della giunta regionale di Basilicata che si è dimesso la scorsa settimana dopo aver appreso di essere indagato per concorso esterno in associazione mafiosa. La Procura antimafia sta approfondendo le dichiarazioni del pentito sui presunti rapporti tra la famiglia mafiosa dei basilischi e il mondo della politica. La relazione con Mancusi, stando al racconto di Cossidente, avrebbe permesso ai basilischi di ottenere lavori da buttafuori nelle discoteche di Potenza e qualche aiutino, tramite un sedicente agente segreto di Castellammare di Stabia, per i processi. In cambio i basilischi avrebbero dovuto fornire sostegno elettorale. «Abbiamo avuto rapporti dal 2002, anno in cui Mancusi faceva parte della squadra AscPotenza, fino a quando sono andato via da Potenza (Cossidente lascia la città nel 2008, poi decide di collaborare con la giustizia,ndr)». Le intercettazioni tra Mancusi e Campanella erano già state raccolte dai carabinieri di Potenza nel 2004 ma, ritenute ininfluenti, non erano state trascritte. Erano rimaste annotate sui brogliacci come semplici promemoria. Dopo le dichiarazioni del collaboratore di giustizia il pubblico ministero antimafia Francesco Basentini ne ha disposto l’ascolto e la trascrizione. «Campanella chiama Mancusi. Telefonata dal contenuto confidenziale. Non influente ai fini dell’indagine». I carabinieri in quel momento stavano cercando di sgominare una banda che spacciava cocaina tra la «Potenza bene». Le telefonate per caffè, appuntamenti e aiuti elettorali in quel momento non servivano e finirono in archivio. Poi Cossidente ha cominciato a collaborare con la giustizia e oltre a confermare quel giro di droga ha svelato altro. I rapporti con Galante, ad esempio. Galante è un consigliere comunale di Potenza con cui Cossidente sostiene di aver parlato dell’iperattività della Procura antimafia a Potenza e di una mobilitazione per delegittimare il lavoro dei magistrati. Scaglione è il consigliere comunale finito nella «Calcio connection» dei carabinieri (è in attesa dell’esito dell’udienza preliminare). Cossidente parla anche di lui. I rapporti con i servizi segreti li aveva allacciati con lui Nicheo Cervone, ex agente del Sisde «bruciato» dai suoi capi dopo gli incontri con Cossidente. La vicenda non è mai stata chiarita del tutto. E la massoneria? Cossidente cne fa un unico accenno nello stesso verbale finito nell’indagine sui rapporti con i politici. Gli investigatori però pare che stiano approfondendo anche questo aspetto. Spiega Cossidente: «Nella ’ndrangheta, fino allo sgarro (una delle cariche, ndr), non si riconosce alcun rapporto con nessun esponente delle forze dell’ordine, con politici. Dalla santa in poi (la carica ricoperta nella ’ndrangheta da Cossidente,ndr) è previsto qualunque rapporto… proprio nel giuramento è previsto che puoi avere rapporti con politici, ambienti massonici e servizi segreti». Quanto c’è di vero nel racconto del pentito? È quello che stanno cercando di accertare gli investigatori.
Fonte: La Gazzetta del Mezzogiorno 13-11-2012

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...