Basilischi in manette: arrestati Carlo Troia e Franco Mancino

POTENZA – La richiesta ad imprenditori e operatori commerciali di Potenza era di un contributo economico “per aiutare gli amici detenuti”. Ma secondo gli inquirenti non si trattava di una semplice questua, bensì di estorsioni in piena regola.
Chi non pagava, infatti, era costretto a subire attentati, intimidazioni, minacce ed aggressioni. Con l’accusa, in concorso tra loro, di detenzione e porto d’arma da fuoco, danneggiamento ed estorsione, ieri mattina sono finiti in manette Carlo Troia, 42 anni, e Franco Mancino, 43 anni, entrambi di Potenza. Ai due viene contestata anche l’aggravante del metodo mafioso: secondo l’accusa, infatti, avrebbero agito per favorire gli appartenenti al clan Riviezzi che si trovavano in difficoltà economiche. Ad eseguire le ordinanze di custodia cautelare emesse dal gip Rosa Larocca su richiesta del pubblico ministero della direzione distrettuale antimafia, Francesco Basentini, sono stati gli uomini della Squadra Mobile e del Nucleo Investigativo del comando provinciale dei carabinieri di Potenza.
Fabrizio Di Vito
Fonte: La Nuova del Sud

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...